Pericoli

 

Prevenire è meglio che curare, programmare pensando sempre al peggio proprio per evitarlo

E' un errore comune pensare che in caso di maltempo ci sarà tempo per preparare la barca a questa evenienza. Non ci sarà o comunque non tutte le cose saranno fatte, perché richiedono tempo e pianificazione. Bisogna procedere prima. Esclusa la tranquilla navigazione giornaliera con tempo prevedibile, navigazioni di più giorni o traversate impegnative richiedono l'osservazione di norme più stringenti. Elenchiamo una parte delle prevenzioni da osservare:

Teli antirollio

basilare in caso di maltempo è l'utilizzo di teli antirollio in ogni cuccetta per evitare di essere sbalzati contro oggetti più contundenti dei morbidi cuscini.

Gavoni e paglioli

devono avere appositi sistemi di chiusura e fissaggio per evitare di vedere gli oggetti contenuti nei gavoni nonché i paglioli “volare” per la cabina in caso di un malaugurato rovesciamento o capovolgimento

Batterie

lo stesso dicasi delle batterie, che vanno fissate ad una base solida anche se dentro una scatola, mentre il coperchio di detta scatola va lasciato libero (all'interno di gavoni o vani comunque chiusi) per facilitare la manutenzione

Ancore, catene

anche queste devono rimanere fisse qualunque posizione assuma l'imbarcazione

Fornello basculante

assicurarsi che il blocco del basculamento resista anche in caso di inclinazioni estreme e che non si sganci in caso di rovesciamento o capovolgimento. Per cucinare meglio usare la pentola a pressione che non versa olio o acqua bollente sul malcapitato cuoco di turno

Estintori

devono essere sistemati dove sono facilmente raggiungibili sia dall'interno che dall'esterno della cabina, ossia vicini alle uscite (tambuccio e passo d'uomo anteriore). Le principali fonti di fiamme sono i fornelli e i quadri elettrici e accessori. Discorso a parte la zona motore, con aspetti più specialistici, anche in funzione della potenza del motore e del carburante utilizzato. Particolare attenzione meritano i razzi; familiarizzarsi con il loro uso per non recare danni proprio in un momento già di emergenza

Mobili, paratie, ecc.

sebbene di aspetto innocente mietono più vittime degli altri oggetti, anche se per fortuna non si tratta di casi mortali. Gli spigoli non arrotondati di tutti i mobili causano traumi non indifferenti, facilitati da un non sufficiente numero di appigli. I cassetti che con un semplice sbandamento rovesciano tutto il contenuto in cabina sono un classico. Veder volare coltelli ed altri oggetti pericolosi non è uno scherzo. Dovrebbe risultare scontato che in caso di maltempo, tutti ma proprio tutti gli oggetti sciolti capaci di arrecare danni siano stivati in luoghi sicuri (ma chi è privo di colpe scagli la prima pietra....)

Impianto gas

oltre ad essere costruito a norma, è indispensabile chiudere sempre la valvola sulla bombola quando non in uso

Fulmini

qui il discorso si fa più complesso e non tutte le opinioni convergono. Per lo più si consiglia di collegare “a terra” (ossia a mare direttamente o attraverso la chiglia e il bulbo metallici) l'albero e/o le sartie in modo da scaricare direttamente in acqua un eventuale fulmine. Durante i temporali evitare di toccare le parti metalliche dell'imbarcazione, compresi barra o ruota del timone se metallici, meglio usare un timone a vento o un timone automatico, se disponibili. Va detto che se si è colpiti da fulmine (o anche se dovesse solo cadere nelle vicinanze) difficilmente si eviteranno danni, soprattutto alle apparecchiature elettroniche (ivi compreso il timone automatico).

 

Theme by Danetsoft and Danang Probo Sayekti inspired by Maksimer